ARTICOLI IN EVIDENZA


 

       

 
 

Masolino da Panicale e Lorenzo Ghiberti

di Giuliano Confalonieri

 

Tommaso di Cristoforo Fini, noto come Masolino da Panicale, iniziò la carriera come allievo di Lorenzo Ghiberti – orafo, scultore ed architetto – al centro della contrastata vicenda della cupola del Duomo, risolta più tardi con l’intervento innovativo di Filippo Brunelleschi.

 

 

 

  Leggi tutto

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

Gli Artisti Martini

di Giuliano Confalonieri

 

Un cognome di artefici che copre un lungo periodo sulla scena creativa italiana, dalla fine del Duecento all’Ottocento: Alberto Martini, Arturo Martini, Francesco Martini, Simone Martini.

 

                                                                             Leggi tutto

 

 

 


 

 

 

Georges de La Tour

di Giuliano Confalonieri

 

 

Figlio di fornai e diventato nobile grazie al matrimonio con Diana le Nerf. Aprì la bottega che rimase attiva fino al 1651 con la collaborazione alterna di alcuni apprendisti.

 

 

 

                                                                    Leggi tutto

 

 

 


 

 

Il Manifesto Pubblicitario

di Giuliano Confalonieri

 

Il manifesto come foglio di carta stampata é legato all'invenzione della litografia per la riproduzione delle opere d'arte (1793) che ne permise la diffusione in serie a colori.. Le grandi illustrazioni influenzarono i lavori del XX secolo, dal settore pubblicitario alla produzione industriale.  Dopo la prima guerra mondiale gli artisti del Bauhaus e dei gruppi d'avanguardia sperimentarono altri metodi come il fotomontaggio.

 

 Leggi tutto

 

 


 

 

I falsi nell’Arte - Insidie del settore Antiquario - Parte prima

di Giorgio Catania

 

Le prime falsificazioni furono prevalentemente legate alla simulazione dell'oro e dell'argento. Già Plinio il Vecchio menziona l'esistenza di trattati didattici per la fabbricazione dei gioielli falsi.

Quando la moda del collezionismo dilagò a Roma, dopo la conquista della Grecia, si fabbricarono sculture e argenterie firmate da Mirone, Fidia e Policleto; artisti del tempo apposero alle proprie statue di marmo il nome degli scultori Prassitele e Lisippo.

 

  Leggi tutto

 

 


 

 

I falsi nell’Arte - Parte seconda

di Giorgio Catania

 

Durante il Rinascimento, molti pittori tra quelli di maggiore successo hanno assunto apprendisti che si formavano copiando le opere e lo stile del maestro. Poiché all'epoca era l'apprendista a dover pagare per la propria formazione a "bottega", sovente le opere realizzate da questi venivano vendute a rimborso dell'apprendistato. Questa pratica, generalmente considerata un lecito tributo, produceva anche opere che con il trascorrere del tempo sono state erroneamente attribuite al maestro stesso.

 

  Leggi tutto

 

 


 

 

Tre eccentrici artisti spagnoli

(Gaudì y Cornet Antoni - Dalì SalvadorPicasso Pablo)

di Giuliano Confalonieri

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                      Leggi tutto

 

 


 

 

Giovanni Maria Borri (Sommariva Bosco 1811 – Torino 1876

di Flavio Bonardo

 

La Reale Accademia di Pittura e Scultura di Torino, che in seguito prenderà il nome di Accademia Albertina di Belle Arti, rigida nei suoi insegnamenti, lo accolse nelle sue aule, sotto l’egida di Giovanni Battista Biscarra (Nizza 1790 – Torino 1851) che nel 1821 era stato chiamato a dirigere la stessa e che contemporaneamente deteneva la cattedra di pittura.

 

 

     Leggi tutto

 

 


 

 

Emilo Vacchetti (Carrù 1880 - 1964)

di Flavio Bonardo

 

Emilio Vacchetti, all’anagrafe Emilio Alessandro, nacque a Carrù, il giorno 11 febbraio 1880, sestogenito di Giuseppe e di Francesca Beccaria. Terminate le Scuole Elementari, si trasferì a Torino andando ad abitare presso il fratello maggiore Ignazio che già viveva colà, e trasferendosi poi negli anni successivi, presso il fratello Pippo che giunto in città, aveva iniziato a frequentare i corsi dell’Accademia Albertina di Belle Arti.

 

 

    Leggi tutto

 

 


 

 

Filippo Vacchetti (Carrù 1873 - 1945)

di Flavio Bonardo

 

Filippo Tommaso Emilio Vacchetti (Pippo) terzogenito di otto tra maschi e femmine, nacque a Carrù in provincia di Cuneo, il 28 maggio 1873 da Giuseppe, maestro elementare e organista della locale parrocchiale, che era sposo di Lucia Francesca Beccaria, donna di carattere e dedita alla famiglia.

 

 

                                            Leggi tutto

 

 


 

 

Vivarini, una famiglia di pittori.

(Alvise - Antonio - Bartolomeo)

di Giuliano Confalonieri

 

Un trio di artisti veneti molto attivo nel Quattrocento. Alvise, figlio di Antonio e zio di Bartolomeo, collaborò con loro diventando un affermato professionista. Il polittico di Monte fiorentino e soprattutto la Sacra conversazione di Treviso, sono opere  importanti della storia dell’arte.

 

 

                                                  Leggi tutto

 

 


 

 

Mahabharata

di Giuliano Confalonieri

 

Mahabharata è il più vasto poema epico in sanscrito della letteratura induista, 18 libri con 106.000 distici: avventure straordinarie,  conflitti estremi, nascite miracolose, sfide, magie, duelli e battaglie. Lo scopo è quello di tagliare i legami che uniscono gli eroi umani al mondo degli dei, trapiantarli sulla terra, metterli di fronte alle loro responsabilità.

 

 

                                                  Leggi tutto

 

 


 

Ludwig Mies van der Rohe

di Giuliano Confalonieri

 

Mies iniziò l’apprendistato nella bottega del padre scalpellino, proseguendo quindi la propria carriera in alcuni Studi tecnici di Berlino e in Olanda. Richiamato alle armi per la Grande Guerra, dopo il congedo partecipò ad esposizioni collettive.

 

                                                  Leggi tutto

 

 


 

Guido Meineri (Cuneo 1869 - 1944)

di Flavio Bonardo

 

Guido Meineri, nacque a Cuneo il 27 maggio del 1869, da una famiglia di origini monregalesi (Mondovì) che si era colà trasferita poiché il padre geometra, era stato nominato Perito di quel Tribunale.

 

                                            Leggi tutto

 

 


 

 

Amedeo Modigliani

di Giuliano Confalonieri

 

In uno studio di pittura livornese conoscerà, nel 1898, Giovanni Fattori. Modigliani sarà così influenzato dal movimento dei Macchiaioli approfondendo nel contempo la conoscenza della pittura impressionista italiana.

 

 

 

                                                  Leggi tutto

 

 

 


 

 

Roberto Luciano (Cuneo 1906 - 2001)

di Flavio Bonardo

 

Roberto Luciano nacque a Cuneo il 4 febbraio 1906, da Rosa Civalleri e da Giovanni. Il padre decoratore condivideva con l’affreschista Ferro un laboratorio sito in via Fossano. Avviarsi all’arte pittorica per Roberto fu come un gioco, poiché crescendo  tra colori, pennelli e cartoni pronti da imbrattare che ne esaltavano il suo spirito romantico, fu tutt’uno.

 

 

                                            Leggi tutto

 

 


 

 

Kokoschka e Maitani

di Giuliano Confalonieri

 

Due artisti lontani nel tempo e nelle culture si possono affiancare per il comune interesse e per l’inizio precoce di una creatività continuativa

 

 

 

 

                                                  Leggi tutto

 

 


 

 

Camillo Besana (Torino 1867 - 1947)

di Flavio Bonardo

 

Camillo Besana, nacque a Malesco il 4 agosto 1887 da Ferrario Balbina e da Davide. Nel 1900, all’età di tredici anni fu inviato a Santa Maria Maggiore per frequentare la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini presso la quale si erano già diplomati altri artisti di fama.

 

 

                                            Leggi tutto

 

 


 

Conservare e restaurare il Patrimonio Artistico

di Giuliano Confalonieri

 

La mole del patrimonio artistico del nostro paese è talmente vasta da coinvolgere qualunque Sovrintendenza. La conservazione ed il restauro dei reperti (“operazioni svolte allo scopo di ripristinare la fruibilità di un’opera artistica che abbia subito alterazioni dovute a cause storiche o naturali”) necessiterebbe di risorse economiche ed umane smisurate.

 

Leggi tutto

 

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

Musei d'Italia

 

Mostre d'Arte

 

Mercatini d'Antiquariato

 

 

 

 

CONTENUTI  E  SEZIONI

 

Mappa del sito

Blog

Antichi Maestri (Trecento-Settecento)

Artisti del Trecento

Artisti del Quattrocento

Artisti del Cinquecento

Artisti del Seicento

Artisti del Settecento

Artisti dell' Ottocento

Artisti e Pittori in Italia

Arte Moderna e Contemporanea

Arti Decorative

Fotografia

Testi d'Arte

Video e Multimedia

Archivio Articoli

 

 

 

RECENTI INSERIMENTI

 

 

Masolino da Panicale e Lorenzo Ghiberti

Gli Artisti Martini

Georges de La Tour

I Falsi nell'Arte - Parte seconda

Il Manifesto Pubblicitario

I Falsi nell'Arte - Insidie del settore Antiquario

Tre eccentrici artisti spagnoli

Giovanni Maria Borri

Emilio Vacchetti

Restauratore di opere d'arte

Carlo Ragghianti

Filippo Vacchetti

Vivarini, una famiglia di pittori

Ludwig Mies van der Rohe

Guido Meineri

Amedeo Modigliani

Roberto Luciano

Kokoschka e Maitani

L'arte è il sangue del cuore umano - Edvard Munch

Conservare e restaurare il Patrimonio Artistico

 

 

 

I PIU' LETTI

 

Il Cubismo

Klimt e Modigliani

Mercatini d'Antiquariato

Cubismo, la scultura

Aspetti del rapporto Pittura-Fotografia

La battaglia di Caporetto

 


 

Palma il Giovane & Palma il Vecchio

di Giuliano Confalonieri

 

Ambedue pittori del Cinquecento – quando ad Albenga venne realizzato l’ormai celebre Battistero, a Ravenna la Basilica di San Vitale ed i mosaici di Sant’Apollinare furono superati da nuove forme espressive – sulla scena dell’arte appaiono i due Palma formatisi alla scuola veneziana.

 

Leggi tutto

 

 


 

Robert Capa fotoreporter

di Giuliano Confalonieri

 

A Robert Capa (1913/1954) uno dei più formidabili fotoreporter di guerra, è stata dedicata a Torino una retrospettiva in occasione del centenario della nascita.

 

 

 

Leggi tutto

 

 


 

Cartelami

di Giuliano Confalonieri

 

Una particolarità della Liguria è l’antica produzione dei “cartelami”, scenografie in bilico tra fede e mistero realizzati con un materiale misero, il cartone. Da qualche tempo sono stati restaurati due importanti reperti di questo genere artistico: la “Macchina” dell’Ottocento nella cattedrale di Savona e la “Nuvola” del Settecento ad Albissola Marina.

 

Leggi tutto

 

 


 

Paul Cézanne - Contributi alla nascita del Cubismo

di Giorgio Catania

 

Paul Cézanne, con la sua pittura, giocherà un importante ruolo nell'evoluzione dell'arte e di ogni possibile linguaggio plastico e cultura figurativa del XX secolo. 

 

 

Leggi tutto

 

 


 

Savona viva

di Giuliano Confalonieri

 

Un valido esperimento riguarda una vecchia strada di Savona. L’iniziativa intitolata I love via Pia, coinvolge una serie di negozi che verranno trasformati in parte in gallerie d’arte, Un interscambio tra soggetto e oggetto che partecipa e fa partecipare come qualunque opera ingegnosa.

 

 

Leggi tutto

 

 


 

Scultori Mantegazza

di Giuliano Confalonieri

 

I fratelli Antonio e Cristoforo, scultori attivi nel Quattrocento, sono nati a Pavia e lì hanno lavorato alla Certosa come certificato nei documenti dell’epoca.

 

 

Leggi tutto

 

 


 

 

L'arte è il sangue del cuore umano - Edvard Munch

di Giuliano Confalonieri

 

L’agghiacciante litografia del norvegese Munch intitolala “L’urlo” - realizzata alla fine del XIX secolo - esprime l’inquietudine ed il terrore che ogni essere umano consapevole scopre nel segreto dell’intimo.

 

 

                                           Leggi tutto

 


 

 

Arte del Tappeto

di Alessandra Doratti

 

L'origine è antichissima, il primo esemplare risale al 500 a.C., e forse affonda le sue radici nelle sconfinate pianure dell'Asia centrale. Ma è con l'avvento dell'Islam, nel VII sec., che l'arte del tappeto orientale segna l'inizio della nuova era, accomunando i popoli del nord Africa al Medio Oriente fino al centro dell'Asia e all'India, diversi per origini e formazione culturale, ma tutti legati all'ambiente desertico, dove il mezzo primario di sussistenza è la pastorizia.

 

Leggi tutto

 

 


 

Giovanni Colmo (Torino 1867 - 1947)

di Flavio Bonardo

 

Dopo aver frequentato il Liceo Classico, Giovanni s’iscrisse alla “Scuola di Applicazione per Ingegneri”, laureandosi in Ingegneria Civile nel 1891.

 

 

Leggi tutto

 

 


 

Pittori del Cinquecento

di Giuliano Confalonieri

 

Agostino Carracci (Bologna 1557/1602)

Ludovico Carracci (Bologna 1555/1619)

Annibale Carracci (Bologna 1560/1609)

Jacopo Carrucci  Pontormo (Empoli 1494/1556)

 

Questi pittori fecero apprendistato nel passaggio tra varie botteghe fiorentine, come allora si usava. La bottega è solitamente composta da un ambiente per le vendite e da un laboratorio per la produzione. Dal XIX secolo è iniziato il decadimento di questo binomio per lasciare spazio all’attività industriale-commerciale.

 

Leggi tutto

 

 


 

Manet & Monet

di Giuliano Confalonieri

 

L’Ottocento è il periodo in cui si sviluppa in Francia la corrente pittorica dell’Impressionismo – nata dalla volontà di ricerca per nuovi modelli espressivi, naturalistici e antiaccademici – difesa anche dagli scritti di Emile Zola. Nel contesto di questo esperimento figurano pure i due quasi omonimi, probabilmente attratti dalla novità ma anche da una predisposizione al nuovo stile.

 

Leggi tutto

 

 


 

Munch - Ligabue

di Giuliano Confalonieri

 

Può sembrare un connubio artistico azzardato

ma ambedue i pittori hanno in comune l’eccesso

sia personale che espressivo

 

 

 

 

Leggi tutto

 

 


 

 

Le pitture murali del Battistero della Concordia Sagittaria

di Dolores Del Giudice

 

Il battistero medioevale sorge accanto all’abside della Cattedrale, in uno spazio architettonico più volte rimaneggiato nel corso degli anni a causa delle numerose ristrutturazioni della chiesa adiacente, e dei recenti scavi archeologici condotti in quest’area a partire dal 1950.

 

Leggi tutto

 

 


 

 

Gli artefici della pittura impressionista

di Giuliano Confalonieri

 

L’Impressionismo è la corrente pittorica nata in Francia tra il 1867 e il 1880. Il gruppo cominciò a crearsi prima quando a Parigi si incontrarono Monet e Cézanne. Nel 1863 Manet espose Le dejeuner sur l’erbe iniziando un dibattito fra il gruppo dei giovani pittori e della critica  (sono gli anni degli scritti di Emile Zola in difesa dell’arte di Manet).

 

 

Leggi tutto

 

 

© Copyright Arte Ricerca 2005-2014 - Rivista scientifico-culturale d'Arte

Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Trieste con il N°1193

Direttore: Giorgio Ruggieri