Giovanni Zoccatelli (Verona 1866 - 1892)

 

 

Allievo, di Giacomo Favretto e Napoleone Nani, all'Accademia Cignaroli,  Giovanni sviluppa un filone paesaggistico e campestre con  spiccata vena realistica,  vicino ai modi dei suoi maestri. Nel 1892, anno della sua prematura scomparsa a causa di malattia, viene presentato presso la Societ√† di Belle Arti, il dipinto Il capitale di Rosa, acquistato dal Municipio di Verona.


 

A.R.

 

 

BIBLIOGRAFIA:

 

La Pittura in Italia - L'ottocento - Electa,  Milano 1991

 

Thieme-Becker, Allgemeines Lexikon der bildenden K√ľnstler, Leipzig 1992